www.TheosophyOnline.com
Universal brotherhood, planetary citizenship and the search for eternal wisdom are among the central
ideas inspiring this website.Studying the original teachings of the modern theosophical movement
is a means to achieve such goals. Visit our blog: www.Esoteric-Philosophy.com
Write to our contact email: Indelodge@gmail.com . Read about our E-Group: E-Theosophy




Krishnamurti e la Teosofia

L’Avatar Che Disprezza la Pratica del Pensare
 

Carlos Cardoso Aveline
 
 
 
 
Copertina di “The Fire and Light”,
pubblicato dal “The Aquarian” nel 2013
 

0000000000000000000000000000000000000000

Krishnamurti e la Teosofia” è una traduzione
dal 16° Capitolo del libro “The Fire and Light of
Theosophical Literature
”, di Carlos Cardoso Aveline,
pubblicato dalla rivista “The Aquarian Theosophist” nel 2013
(255 pp.) . Titolo originale: “Krishnamurti and Theosophy”.

00000000000000000000000000000000000000000000000000000000




Qual è la vera importanza del pensiero e degli scritti di Jiddu Krishnamurti?

La domanda è pertinente, perché Krishnamurti è ancora considerato come una fonte di ispirazione per molti teosofi ben intenzionati in tutto il mondo. Come pensatore della new age, è piuttosto popolare. Tuttavia, un esame obiettivo dei suoi scritti ed insegnamenti orali dimostra che:

1) Krishnamurti ignora l’esistenza della Legge del Karma;

2) Non è a conoscenza o non accenna all’esistenza della Legge della Reincarnazione e dei Cicli;

3) Ignora l’esistenza del Discepolato;

4) Non scorge un Sentiero che deve essere attraversato dai pellegrini, lungo il quale devono fare progressi attraverso i loro propri meriti e sulla base di sforzi auto-intrapresi;

5) Krishnamurti ignora l’esistenza dei Maestri della Saggezza o Iniziati nella Scienza Esoterica;

6) Non crede nell’esistenza di una Scienza o Filosofia Esoterica accurata;

7) Ignora e tende a negare l’esistenza di un Sé Superiore o Anima Immortale che guida il più possibile il sé inferiore di ogni essere umano;

8) Non conosce l’importanza dello studio delle scritture delle antiche religioni o delle opere dei filosofi classici, Orientali ed Occidentali;

9) Ignora l’importanza del movimento teosofico moderno;

10) Nega il ruolo svolto dalla Ragione e dal ragionamento nell’evoluzione umana, e preferisce descrivere il pensiero umano come qualcosa di negativo in sé;

11) Krishnamurti non lesse mai alcun libro di Helena Blavatsky, e non mostrò alcun forte interesse nella lettura dei libri in generale, teosofici e non;

12) Mentre nelle sue conferenze e nei suoi scritti discute sui problemi affrontati dalla nostra umanità, non sembra affatto apprezzare alcuni fattori fondamentali nell’evoluzione umana, come la Democrazia, l’Etica, i Diritti Umani o l’Organizzazione delle Nazioni Unite.
Tuttavia, egli dimostra una fine percezione dell’unità della vita nella Natura.

Nonostante qualche punto in comune con la Teosofia, Jiddu Krishnamurti ignora attivamente la maggior parte degli insegnamenti teosofici, e ne contraddice apertamente molti.

È lui l’ “avatar” sorprendente che disprezza il pensiero ed il lavoro del cervello. Come si potrebbe comprendere un tale atteggiamento da un punto di vista teosofico?

Krishnamurti è un avversario delle forme meccaniche del pensiero e delle emozioni basate sulla memoria personale. In questo sembra trovarsi nel giusto. Il pensiero del sé inferiore che Krishnamurti denuncia è freddo e scaltro; è governato dall’attaccamento e dal rifiuto; ha una scarsa etica e non può collegarsi intensamente a dei sentimenti nobili. Il pensiero egoista è spesso privo di anima e nella nostra civiltà sembra dominare la superficie della vita. Le operazioni di una mente egotista generano un istintivo rifiuto nei cittadini di buona volontà. Alcuni individui, quindi, si convincono che l’atto stesso del pensare è falso, errato e spregevole in sé, e cercano di negare la legittimità di ogni forma di pensiero.
Tutte le attività mentali sono considerate da loro peggio che inutili.

Una tale critica inaccurata e pessimista è molto più che autolesionistica. È meno innocente di quanto sembri.

Alcuni “Krishnamurtiani”, etichettando il processo del pensiero in sé come inerentemente cattivo, possono consegnarsi inconsciamente una sorta di licenza per pensare su linee egoiste, e così oscillare ciecamente nelle loro vite tra pensieri egotistici, da una parte, ed una “mistica negazione di tutto il pensiero”, dall’altra. Se accettassero il fatto che gli esseri umani possono davvero pensare in modi corretti, dovrebbero fare uno sforzo in questa direzione. Essi però preferiscono evitarlo.

Jiddu Krishnamurti cadde nell’illusione che il pensiero fosse cattivo, ed iniziò a proclamarla e a promulgarla. Insegnando un sentiero apparentemente facile - quello della pigrizia mistica sul piano mentale - i suoi libri hanno portato migliaia di lettori nella trappola occulta che consiste nel disprezzo della ragione. Molti dei suoi seguaci si impigliano nel vicolo cieco del culto dell’assenza di ogni pensiero.

Che cosa allora dovrebbero fare i cittadini di buona volontà che vogliono vivere all’altezza del prossimo gradino nell’evoluzione umana? Essi devono scegliere un sentiero più difficile, che va verso l’alto, nella direzione opposta alla strada priva di pensiero raccomandata da Krishnamurti.

Si deve espandere, non ridurre, la relazione tra i propri pensieri, emozioni ed azioni. Disprezzare il processo del pensiero causerebbe soltanto danno all’Antahkarana, quel ponte sacro che collega il sé superiore e quello inferiore. È stabilendo una corrispondenza più forte tra le idee, i sentimenti e le azioni che un essere umano provoca un’intensa presenza del suo sé superiore nella vita quotidiana.

Si deve amare ciò che si pensa. Si deve comprendere razionalmente ciò che si ama. Il retto pensiero richiede delle emozioni sincere. La verità è percepita tramite i più alti livelli del pensiero. Il corretto pensare fluisce in armonia con il silenzio interiore, e da questa armonia scaturisce la retta azione.

Sebbene gli stati meditativi della mente trascendono il pensiero, essi non lo negano. La Teosofia stimola le corrette operazioni mentali. Si deve imparare ogni lezione pienamente, prima di passare al prossimo livello di una sfida. È il retto pensiero che permette di trascendere ed andare oltre al principio pensante.

Affinché il pellegrino apprenda lezioni durature, si devono valutare e comprendere il più possibile i sette livelli o principi di coscienza. Appena la saggezza inizia ad emergere nella propria vita, il corpo fisico, le emozioni e i pensieri vengono gradualmente purificati. A poco a poco essi vengono liberati dalle scorie dell’ignoranza accumulata ed iniziano ad essere usati adeguatamente dall’anima, entro il reticolo delle situazioni karmiche. Dunque, nessun aspetto della vita umana deve essere disprezzato, e la Ragione è il fattore determinante nel regno umano. Il pensiero è essenzialmente un’operazione divina. La comprensione umana della vita è razionale, finché è umana, e può essere migliorata da ogni individuo auto-responsabile attraverso la pratica costante del retto pensiero. Questo, naturalmente, non include compiere cambiamenti non autorizzati nei libri esoterici. [1]

NOTA:

[1] Una versione iniziale del Capitolo di cui sopra è stata pubblicata in lingua Portoghese nel Febbraio 2013 sotto il titolo di “Krishnamurti e a Teosofia”. È stata anche pubblicata in Inglese nell’edizione di Febbraio 2013 del “The Aquarian Theosophist”, pp. 1-3.

0000000000
 
 

Il libro “The Fire and Light of Theosophical Literature” può essere acquistato su Amazon Books  tramite questo indirizzo: http://www.amazon.it/gp/product/9892039971 (Amazon Italia),  http://www.amazon.co.uk/gp/product/9892039971 (Amazon.UK) e  http://www.amazon.fr/gp/offer-listing/9892039971 ( Amazon.FR) .

Visita sempre
www.Esoteric-Philosophy.com , www.TheosophyOnline.com e www.FilosofiaEsoterica.com .

Traduzione in Italiano dell’articolo a cura di Marco Bufarini. Data di pubblicazione in Italiano: Ottobre 2013.

Su Facebook, vedi le pagine The Aquarian Theosophist e The Fire and Light of Theosophical Literature .

Se desideri accedere ad uno studio giornaliero degli insegnamenti originali della Teosofia in lingua Inglese, scrivi a lutbr@terra.com.br e chiedi informazioni sull’ e-gruppo E-Theosophy.

0000000000000000000000000000000000000000000000000
Krishnamurti e la Teosofia




© 2016 www.TheosophyOnline.com

Home Our E-group E-Theosophy Links List of Texts in Alphabetical Order